Come rilevare e prevenire lo spoofing IP – TEXTIFY

Avatar francesco

·

Cgxx8lctp9a856 M28xcfohnzyvlbog8tnyhyzmhi H Eqkrjtcvn0l1mlkqlwwcvnqgturvwgg8oaghojdf0otdivkkcavareshv Corfims9ow7s7pplbpalrlxbkpa D0x2xdpmvsbvith6ityai.png


Spoofing è un termine per attività fraudolente in cui i cattivi attori mascherata come entità legittime per ingannare una vittima ignara. Nell’era digitale, lo spoofing di computer e organizzazioni è diventato un problema.

I cattivi attori si presenteranno come se appartenessero a organizzazione legittima e quindi ottenere informazioni sensibili come informazioni sulla carta di credito e dettagli bancari da una vittima. Possono persino fare in modo che la vittima invii direttamente denaro o informazioni.

Lo spoofing IP è uno dei tipi di spoofing più comuni su Internet. Gli indirizzi IP sono identificatori numerati di computer e server su Internet. Nello spoofing IP, un malintenzionato invierà messaggi a una vittima utilizzando un indirizzo IP falso ma dall’aspetto legittimo per ingannarla.

In questo articolo impareremo cos’è lo spoofing IP, come funziona, a cosa serve, come rilevarlo e come prevenirlo.

Come funziona lo spoofing IP?

Per comprendere lo spoofing IP è necessario comprendere il concetto di pacchetto. I dati su Internet vengono inviati sotto forma di piccoli pacchetti di dati.

Ad esempio, se si desidera inviare un file a qualcuno tramite posta elettronica, il file verrebbe suddiviso in molti pacchetti, che verrebbero inviati al destinatario e quindi riassemblati per formare il file.

Ogni pacchetto ha alcune informazioni fondamentali e identificative allegate sotto forma di a intestazione. Le intestazioni contengono informazioni di routing come IP di origine e indirizzo IP di destinazione.

Nello spoofing IP, un hacker utilizza alcuni strumenti per modificare l’indirizzo IP di origine nell’intestazione e utilizzare invece un indirizzo IP diverso. Il nuovo indirizzo IP spesso appartiene a un’entità fidata di cui le vittime non si preoccupano.

Quindi, le vittime penseranno di ottenere dati o istruzioni da una fonte attendibile senza sapere che si tratta di una fonte dannosa. Pertanto, possono finire per compromettere i loro sistemi, che possono essere utilizzati contro la loro volontà e a loro insaputa per gli scopi nefasti degli hacker.

Di seguito sono riportate le forme più comuni di spoofing IP.

  • Mascherarsi da banca della vittima per ottenere informazioni sensibili come dati della carta di credito o dettagli del conto bancario
  • Mascherandosi da organizzazione e chiedendo alla vittima di installare software compromettente sui propri sistemi
  • Indurre le vittime a inviare denaro a falsi enti di beneficenza e investimenti aziendali utilizzando lo spoofing IP per apparire legittimi.

Come puoi vedere, gli hacker possono utilizzare lo spoofing IP per arrecare ingenti danni finanziari alle loro vittime e/o compromettere i sistemi delle vittime per accedervi e utilizzarlo per se stessi senza che la vittima lo sappia.

Quali tipi di attacchi sono possibili con lo spoofing IP

Gli hacker hanno utilizzato lo spoofing IP per i seguenti attacchi.

DDOS

DDOS sta per Distributed Denial of Service. Un attacco DDOS implica che un server venga bombardato da richieste provenienti da più dispositivi. L’enorme numero di richieste sovraccarica il server, poiché non è in grado di gestire così tante richieste.

Ciò che accade è che il server non è in grado di rispondere nemmeno alle richieste legittime e il servizio fornito dal server è sostanzialmente inaccessibile.

La maggior parte dei server è in grado di identificare e bloccare un’enorme quantità di richieste provenienti dallo stesso indirizzo IP. Tuttavia, gli hacker utilizzano lo spoofing IP per inviare richieste che apparire provenire da clienti diversi e aggirare questa protezione di base.

Uomo nel mezzo

Gli attacchi man-in-the-middle sono un tipo di attacco in cui un hacker può inserirsi nel tunnel di comunicazione tra due entità. Usano lo spoofing IP per far credere ad entrambe le entità di parlare con la parte giusta.

Le vittime non hanno idea che un dannoso 3rd parte sta intercettando tutte le loro comunicazioni e divulgando informazioni potenzialmente sensibili. Ciò è terribile perché l’hacker può utilizzare tali informazioni da solo o venderle sul mercato nero, dove altre persone senza scrupoli potrebbero usarle per danneggiare le vittime.

Nascondere i bot in un attacco botnet

Le botnet sono reti di computer compromessi e controllati da remoto che possono essere utilizzati per diffondere virus e malware o addirittura commettere attacchi DDOS.

Al giorno d’oggi, le protezioni DDOS sono diventate più robuste, in modo che possano identificare quando le botnet stanno attaccando il loro sistema. Tuttavia, con lo spoofing IP, gli hacker possono nascondere l’indirizzo IP della propria botnet e far sembrare che diversi computer stiano attaccando il server.

Ciò rende molto più difficile l’identificazione della botnet, rendendo così gli attacchi DDOS più potenti e dannosi.

Come rilevare lo spoofing IP

Per rilevare lo spoofing IP, è necessario disporre di solide misure di sicurezza. Il metodo più comune e utile per il rilevamento dello spoofing IP consiste nell’utilizzare il filtraggio dei pacchetti poiché questo è il metodo di attacco.

Il filtraggio dei pacchetti deve essere utilizzato insieme a ACL (Elenchi di controllo degli accessi). In poche parole, l’ACL è un elenco di IP a cui è consentito l’accesso a determinate risorse su una rete. Con gli ACL, diventa più difficile per i malintenzionati trovare un IP che possa garantire loro l’accesso alla rete.

Il filtraggio dei pacchetti consiste semplicemente nell’impostare regole sul firewall per controllare l’indirizzo IP di origine/destinazione e le porte di tutti i pacchetti. Quindi i pacchetti vengono accettati o rifiutati in base a tali regole.

Il filtraggio dei pacchetti è di due tipi.

  • Filtraggio degli ingressi. Questo è il monitoraggio dei pacchetti in entrata. Con il filtro di ingresso e gli ACL è possibile verificare se l’IP di un pacchetto fa parte o meno dell’elenco dei mittenti legittimi. In caso contrario, il pacchetto viene rifiutato.
  • Filtraggio in uscita. Questo è il monitoraggio dei pacchetti in uscita da una rete. Il filtraggio in uscita è necessario per prevenire attacchi dall’interno della rete.

La posizione IP può essere utilizzata anche per verificare lo spoofing. Un firewall può essere configurato per consentire l’accesso solo da IP di origine all’interno di una determinata posizione. Se la Ricerca della posizione IP di un indirizzo rivela che l’indirizzo si trova al di fuori dell’area consentita, tutti i pacchetti provenienti da esso verranno rifiutati.

Come prevenire lo spoofing IP

Puoi prevenire lo spoofing IP seguendo le migliori pratiche di sicurezza della rete. Tieni presente che gli amministratori di rete o un ISP possono implementare solo la maggior parte di queste soluzioni. Se sei un utente normale, probabilmente non c’è molto che puoi fare se non mantenere il firewall attivo e l’antivirus aggiornato.

Utilizza i certificati SSL

I certificati SSL o Secure Socket Layer consentono la verifica del sito web. Se il tuo dispositivo è abilitato SSL, formerà una connessione sicura con il server che sta contattando. L’identità del server verrà verificata con un certificato. Ti aiuterà a assicurarti di connetterti al server giusto e non a uno falsificato.

Crittografia a livello IP

La crittografia degli indirizzi IP impedisce agli hacker di apprenderli e, quindi, impedisce lo spoofing degli indirizzi IP. IPSec è un popolare protocollo di sicurezza in grado di crittografare gli indirizzi IP se utilizzato in modalità tunnel.

Autenticazione IP

Utilizzando l’ACL e autenticando gli indirizzi IP autorizzati a inviare o ricevere richieste, è possibile ridurre le possibilità di spoofing IP. Gli indirizzi IP contraffatti non vengono autenticati, quindi non possono essere utilizzati per attaccare la rete.

Mantieni aggiornati antivirus e firewall

Gli utenti normali dovrebbero mantenere aggiornato il proprio software antivirus mentre monitorano il traffico di rete per individuare attività dannose. Mantenendoli aggiornati, puoi proteggerti dalla maggior parte dei rischi di rete, incluso lo spoofing IP.

Conclusione

In conclusione, lo spoofing IP è un brutto vettore di attacco ed è particolarmente pericoloso a causa dei danni che può causare. È ampiamente utilizzato negli attacchi DDOS. Questi malintenzionati lo usano anche per nascondere le loro botnet e rendere gli attacchi DDOS più efficaci.

Lo spoofing IP può essere rilevato con l’aiuto del filtraggio dei pacchetti e dell’ACL. È possibile prevenirlo seguendo le migliori pratiche di sicurezza come la crittografia, l’autenticazione dei certificati, l’utilizzo delle whitelist IP (ACL) e mantenendo aggiornato il firewall/antivirus.

Questo segna la fine di questo articolo e, si spera, ora puoi proteggerti meglio dagli attacchi di spoofing IP.


Scopri di più Strumenti di intelligenza artificiale.

Migliora l’esperienza degli ospiti con RoomGenie

Investi i tuoi soldi senza sforzo 🚀 Prova il NotizieGenie attrezzo!



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *